Followers style: Irene Thomas

Lo stile delle follower viene, a volte, un po’ lasciato in disparte, complice una tendenza degli attuali Leads a prendere un po’ troppo la scena dimenticandosi di lasciare spazio alla Follow di “shine”, di brillare…cosa che andrà a perdersi col tempo se il Lindy acquisirà le mie illuminate teorie per le quali la Follow è semplicemente un Lead dalla parte sbagliata. E quando comincierà a fare la Lead dalla sua posizione cioè a guidare dalla destra ( e non mettendosi nel posto del Lead) sarà una nuova rivoluzione femminista nel Lindy ed io sarò riconosciuto nella Hall of Fame degli innovatori!!! In realtà una cosa perzialmente così già esiste, sotto il nome di Hijacking o Lead stealing.

A parte gli scherzi c’è una ballerina che fa parte, ovviamente, degli antichi della quale lo stile presenta alcuni spunti interessanti.

Irene Thomas (ancora tra noi credo a 96 anni) fa parte di quella schiera di ballerini che comprendeva anche Dean Collins, Jewel McGowan, Jean Veloz ed altre/altri e che aveva la fortuna di abitare nella zona di Los Angeles, vicino ad Hollywood(land) il che li ha resi protagonisti di innumerevoli clips all’interno di film piuttosto “leggeri”.

Erano, per di più, brevi scene di danza, molte volte di gruppo che venivano inserite all’interno di teen-films dell’epoca ( anni ’30-’50).

In questo video, che è un riassunto di queste clip, Irene la si vede nella coppia a sinistra con la camicia bianca e la gonna scura e che, più avanti, fa l’occhiolino in un primo piano, nella seconda clip è la protagonista con Don Gallagher e si vede anche che fanno un errore (anche gli antichi sbagliano)…e così via.

https://www.youtube.com/watch?v=rEXoljCtmn0

Che stile ha? Uno stile che a me piace e che definirei “flat”, piatto, cioè quasi assente di bounce, più un pattinaggio. La mia impressione è che si muova su di un cuscino d’aria, come un Hovercraft, il che le permette parecchie variazioni sul ritmo, molte delle quali le conosciamo. Pur rimanendo piuttosto rigida con il busto, che descrive gli spostamenti nello spazio, utilizza il bacino come elemento stilistico con delle rotazioni molto accentuate senza, però, fare dello swivel l’elemento centrale. E’ quello che viene definito “Hollywood Style”, cioè uno stile affermatosi nella zona di Los Angeles e che si caratterizzava in una posizione più eretta delle followers e più piegata per i lead, un utilizzo più marcato dello stretch a scapito del bounce che si traduceva in uno sviluppo più orizzontale della dinamica di coppia e nella creazione di variazioni fatte sui momenti di transizione/spostamento.

Da questo stile noi, oggi, ereditiamo tutti quegli swing-out in linea o il sugar push.

Enjoy!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *