Una danza tremenda-passi da lontano

Oggi voglio proporvi un video.

Si tratta di un video girato nel 1944 in Svezia, dove si vedono alcune coppie di giovani ballerini di Swing che danzano in una sala da ballo (che esiste ancora) a Stoccolma.

Credo che la domanda che si pone il titolo del video (Jitterbug – Degenerazione o gioia di vivere?) si basa sul dilemma tra balli Swing e degenerazione sociale oppure forma di divertimento.

Proviamo a guardarlo: comincia con la Seymour Österwalls  orchestra che suona un ritmo piuttosto sostenuto, Balboa? Shag? Segue una carrellata sull’orchestra ed alcune immagini “artistiche” sugli strumenti.

Più avanti il campo si allarga alla sala dove vediamo alcuni danzatori, sembrano giovanissimi, non più di 17 anni. Alcuni sono vestiti in maniera più casual dei loro omologhi americani, un paio di coppie hanno la divisa dei marginali di quell’epoca, quasi un anticipo di una decina d’anni sui teppisti di Amburgo, Londra, Amsterdam, che consiste in pantaloni da lavoro e scarpe di sicurezza (con inserto metallico e suola spessa, la nostre anti-infortunistica) che venivano utili in un eventuale confronto fisico con la Polizia o con bande rivali.

La Svezia durante la Seconda Guerra Mondiale conservò la propria neutralità, pur flirtando con i nazisti e, poi, con gli alleati. La società era ben lontana dal paradiso del Welfare della, alquanto noiosa, Svezia di oggi. Si registravano, però, picchi drammatici per quanto riguarda la violenza sulle donne specie in ambito famigliare. Un problema riportato ancora recentemente da Stieg Larsson nella sua trilogia Uomini che odiano le donne, da cui è stato tratto un bel film svedese ed un meno bello remake americano.

Ad esaminare come ballano (male) ho subito pensato che la loro fonte di informazioni fossero quelle brevi scene di ballo colte in qualche film americano d’importazione, magari degli anni ’30 dove era più facile vedere qualche forma di Shag che non Lindy (più lineare e morbido).

Però la loro energia ed il loro entusiasmo sono coinvolgenti.

Diciamo che più che guidare le loro Followers, le strattonano malamente in una specie di danza tarantolata con air steps lasciati a metà (però Texas tommies fatti giusti) e strappi improvvisi.

Intanto quando fanno ruotare la Follower con le gambe che non toccano terra rischiano di fare strike con tutti quelli che li circondano. Il campionario di cose da non fare (chiavi articolari, strattonamenti, mollare la Follower alla fine di un Air step) è vasto, ma il delirio raggiunge il suo apice nella seconda parte, dove una delle coppie (bello il misto Zoot Suit-scarpe da portuale pesantissime) passa dal ballo (?) al Wrestling puro e semplice.

A quel punto il Lead, nel delirio estremo ed un paio di bottiglie di Akvavit nello stomaco, si trasforma in lanciatore di donne, devo dire che la povera ragazza resiste, nonostante oramai si sia trasformata in una palla da baseball si rialza ogni volta, come Rocky, con rinnovato entusiasmo.

Il tutto si conclude in un sabbah infernale, un deliquio senza posa volto all completa distruzione ed autodistruzione con tecniche Wrestling che in confronto Gorgeous George appariva un dilettante.

Quello che mi ha colpito di questo video è che ci rappresenta uno spaccato vero della Svezia giovanile e marginale di quegli anni, piccoli attaccabrighe che cercavano di ballare un tipo di danza consona alla loro filosofia di vita staccandosi dal mondo conformista ed affarista che faceva profitti con la guerra altrui.
Io sono sicuro che le riprese, anche se probabilmente sotto regia, sono vere. Il cinema svedese aveva, si, Ingmar Bergman ma non aveva Hollywood dove ogni ambiente era ricreato negli studios di Los Angeles, quindi falso.

In Svezia lo Swing era popolarissimo, cantanti come Alice Babs, l’orchestra di Seymour Osterwall (qui presente), anche se credo fosse ballato per la maggior parte dei casi come Fox Trot (e sui dischi appariva sempre “FoxTrot”, non troverete mai un disco originale con musica Swing “Lindy”), ma questi ragazzi volevano di più e, nonostante le mie critiche, lo ottenevano con grande entusiasmo.

Good night and good luck!
E.M.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *